Studio epidemiologico sub comunale nel Comune di Carisio (Piemonte, provincia di Vercelli) sede di una fonderia di alluminio: analisi della mortalità dal 1980 al 2017

Nell’area del Comune di Carisio è presente dal 1975 una fonderia di seconda fusione per la produzione di alluminio. Le analisi Arpa hanno evidenziato che le ricadute immissive (specialmente di diossina) riguardano la Frazione Crocicchio e non il restante centro abitato di Carisio: su tali valutazioni si è proceduto allo studio di Mortalità dal 1980 al 2017 su tale frazione e il restante comune con elaborazione di SMR rispetto al dato regionale Piemontese. Sono emersi numerosi eccessi significativi a sfavore della frazione come totale tumori (+88%), polmone uomini (+320%) e totale tumori apparato digerente (+85%) Anche i rischi relativi esprimono un carico di decessi rilevante per le neoplasie sopra indicate con circa 2 decessi annui indotti dal rischio ambientale. Si necessita di un piano di monitoraggio epidemiologico e ambientale strutturato negli anni a seguire e di immediate misure per il contenimento delle immissioni inquinanti del sito.

Parole chiave: Fonderia, mortalità, diossina, rischio relativo.…

Scienze omiche e capacity building dei professionisti sanitari: corso di formazione a distanza per i medici italiani

Oggi come non mai risulta evidente la necessità di una linea strategica che renda l’Italia capace di gestire l’attuale rivoluzione ‘omica. In linea con quanto esplicitato nelle “Linee di indirizzo sulla genomica in sanità pubblica” del 2013, e nel nuovo “Piano nazionale per l’innovazione del sistema sanitario basato sulle scienze omiche”, pubblicato il 17 gennaio 2018 in GU, particolare attenzione deve essere data allo sviluppo di una vera e propria literacy del personale sanitario e della popolazione.

Materiali e metodi: Nel contesto del progetto CCM Azione Centrale 2015 “Predisporre strumenti per l’innovazione del sistema sanitario basata sull’uso delle conoscenze genomiche e sulla medicina personalizzata” è stato realizzato un corso di formazione a distanza (FAD) dal titolo “Genetica e genomica pratica”, rivolto ai professionisti medici (in particolare medici di medicina generale – MMG), con l’obiettivo principale di formarli all’utilizzo responsabile delle tecnologie ‘omiche. L’offerta formativa, aperta per la durata di 12 mesi (febbraio 2017 – febbraio 2018) è stata strutturata in modo innovativo e dinamico, secondo i principali modelli della formazione andragogica (Problem-based-learning e case studies).…

Periodico bimestrale a carattere scientifico indicizzata su Medline e Index Medicus. Accreditata SItI Società italiana di Igiene, Medicina preventiva e Sanità pubblica

La rivista in questi anni ha assunto una primaria importanza a livello nazionale ed ha ottenuto riconoscimenti per la qualità di alcuni rilevanti contenuti di sanità pubblica, tra cui l’organizzazione sanitaria e l’ambiente. Da due anni, ha avuto un importante riconoscimento dalla Commissone specifica dell’American Libray che le ha attribuito uno score tra 3,5 e 3,8 corrispondente a “very good” inserendola ufficialmente nel circuito delle riviste indicizzate su Medline e su Index Medicus. La rivista inoltre è accreditata dalla SItI.…

Segnalazione di un cluster di neoplasie emolinfopoietiche e gestione del processo di comunicazione con la cittadinanza: l’esperienza di una Asl toscana

Riassunto: Nel 2008 è pervenuta alla direzione aziendale (DA) della ASL 11 di Empoli (oggi Azienda Usl Toscana Centro) la segnalazione da parte di alcuni MMG di una inusuale mortalità per leucemie tra i loro assistiti in un comune. La Direzione aziendale della ASL ha quindi deciso di effettuare un approfondimento epidemiologico formalizzando la costituzione di un gruppo di lavoro (Gdl) interistituzionale con operatori della ASL, dell’Istituto per lo Studio e la Prevenzione Oncologica (ISPO, ora ISPRO) di Firenze, della Fondazione Gabriele Monasterio e dell’Istituto di Fisiologia Clinica del CNR di Pisa, dell’Università di Pisa e dell’ARPAT aperto anche a rappresentanti della comunità. Sono stati condotti numerosi approfondimenti epidemiologici in parallelo (analisi di incidenza, mortalità, ricostruzione della storia residenziale dei casi e analisi micro-geografica per valutare l’incidenza a livello di microaree sub-comunali, caratterizzazione ambientale territoriale per valutare la presenza di fattori di pressione outdoor, valutazione dell’andamento dei difetti congeniti quali eventi sentinella nelle aree a forte pressione ambientale) che hanno comportato lunghi tempi per l’analisi.…

Sanità pubblica e Assistenza Sanitaria Primaria

Nel più diffuso e insuperabile modello di Sanità pubblica, che sintetizza in tre le sue aree di attività: 1. tutela della salute; 2. promozione della salute; 3. istituzione, organizzazione e gestione dei servizi sanitari (Griffiths S, Jewell T, Donnelly P. Public Health in practice: the three domains of public health. Public Health 2005; 119: 907-13), le attività della terza area devono essere strumentali per la realizzazione delle prime due. Di fatto, la tutela della salute (nei suoi settori di potenziamento, conservazione e recupero della salute) e la promozione della salute (con il suo tendenziale perseguimento del benessere), rimangono le sole finalità che giustificano, ontologicamente, l’esistenza della Sanità pubblica. Tutti coloro che avevano interesse a realizzare tutela e promozione della salute collettiva si sono adoperati per l’istituzione di servizi sanitari, che con l’aumentare del numero degli elementi costitutivi sono diventati veri sistemi (sistema di servizi sanitari). La storia della Sanità pubblica (Giorgio Cosmacini.…