Libro Bianco. Il Servizio Sanitario Nazionale e la pandemia da Covid-19. Problemi e proposte a cura di Giovanna Vicarelli e Guido Giarelli. Franco Angeli ed. Milano 2021 (open access)

Il Libro bianco, frutto del lavoro collettivo di un gruppo di 16 sociologi coordinato da Giovanna Vicarelli, merita un commento da parte di un assistente sociale, cioè di un professionista che opera in strutture sanitarie (ospedaliere e/o territoriali), per una serie di ragioni alcune, a mio avviso, più significative e formative.


Download PDF

Digitalizzazione e Virtual Healthcare nell’Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana (AOUP) ai tempi dell’emergenza COVID-19

Le fasi inziali dell’emergenza COVID-19 in Italia hanno messo in risalto il ritardo tecnico che il sistema sanitario nazionale ha accumulato per la digitalizzazione dei servizi sanitari. A tal proposito le Aziende Ospedaliere da subito hanno messo in atto sistemi di domanda di servizi sanitari digitalizzati basati sulle procedure di tele-triage, tele-consulto e tele-visite. Ciò ha favorito, nei mesi successivi, l’integrazione di servizi virtual healthcare applicabili all’Azienda Ospedaliero Universitaria Pisa (AOUP). In particolare, il sistema BCure rappresenta un importante investimento tecnologico per la gestione remota dei protocolli di cura e dell’analisi della completa fruizione dei servizi sanitari. Ciò si configura un sistema unico di condivisione delle informazioni tra specialisti, medici di medicina generale e pazienti.


Digitization and Virtual Healthcare in a teaching hospital (Pisa, Italy) during COVID-19 emergency

Download PDF

Diversità di genere e impatto sulle aspettative di lavoro e di vita in ambito sanitario. Risultati di una survey in Regione Toscana

La percentuale di donne medico impiegate in ambito sanitario è in continua ascesa sia in Europa che in Italia come dimostrano i dati OECD pubblicati.(1)

Questa trasformazione dell’universo lavorativo ha avuto ripercussioni nei modelli organizzativi e socio-familiari, attualmente non pensati in termini di pari opportunità di aspettative, carriere e qualità di vita, non solo in Italia , ma anche a livello Europeo.

Molti studi pubblicati hanno preso in considerazione prevalentemente la disparità economica e di carriera, (1) ma non sono emersi studi combinati con survey che abbiano evidenziato dei criteri di valutazione della qualità del lavoro, visti questi attraverso l’esperienza diretta e sincera delle lavoratrici.

Da questa riflessione è nata l’idea di una survey organizzata dal Gruppo Donne Medico ANAAO (Associazione Medici Dirigenti) con il patrocinio della Federazione Toscana degli Ordini dei Medici organizzata su un campione omogeneo, ovvero i medici donna di una unica Regione , la Toscana, al fine di valutare e di ri-cercare nuovi approcci nella gestione delle risorse umane che tengano conto del delicato equilibrio tra le possibilità reali a disposizione della donna medico e delle complessità esperienziali lavorative che si presentano nell’arco di una vita.

Mass screening for hepatitis B and C viruses in a population of persons with disabilities with and without HIV status in Cameroon

Sommario: Le infezioni virali da epatite sono una delle principali minacce per la salute pubblica in tutto il mondo. La stragrande maggioranza delle persone infettate da epatite virale si trova in paesi africani e asiatici con risorse limitate. Mancano dati accurati per determinare meglio il carico di questa malattia in Camerun, per di più tra le persone vulnerabili. Lo scopo di questo studio era di stimare la sieroprevalenza dei virus HBV e HCV tra le persone con disabilità (PwD) con o senza HIV. Metodi: Si è trattato di uno studio trasversale condotto in tre regioni del Camerun (ovest, centro e littoral). I partecipanti sono stati iscritti da centri sociali e centri sanitari gestiti da organizzazioni non governative. Il sangue venoso è stato raccolto da tubi sterili, che sono stati lasciati a riposo a temperatura ambiente per ottenere il siero. I test HBV e HCV utilizzati sono stati delle strisce reattive cromatografiche rapide per la lettura visiva per la rilevazione qualitativa degli anticorpi e/o degli antigeni (DiaSpot HBsAg e DiaSpot HCVAb).

Ancora sulla pandemia da COVID 19: apologia della Sanità pubblica

La pandemia da COVID 19 sembra somigliare sempre più ad un “buco nero galattico” in cui vengono inghiottite tutte le energie e tutti i pensieri dell’intera comunità nazionale. Quest’ultima, al pari di un drogato, sembra attendere ansiosamente la quotidiana “dose” di notizie, in una condizione, cioè, di trovarsi gradualmente a non poter controllare il desiderio di assumere una certa sostanza nonostante il danno fisico, psicologico, affettivo, emotivo o sociale che può conseguire a tale assunzione.


Download PDF

Numero 2 – 2021

Editoriale

Parte scientifica e pratica

Organizzare ospedale e territorio in tempi di COVID-19

La situazione emergenziale dei mesi appena trascorsi dovuta alla pandemia da SARS- CoV-2 ha determinato la necessità di riorganizzare le attività a livello di ospedale, territorio e di interazione tra questi due ambiti. Quello che viviamo è certamente un momento epocale in cui due livelli di assistenza e cura del SSN – ospedale e territorio – sono invitati ad una nuova rafforzata interazione e integrazione (inter ed intra- professionale)


Download PDF

La corretta valutazione del microclima per un luogo di lavoro ergonomico e sicuro

In Italia, ai sensi del D.Lgs. 81/08, il datore di lavoro ha l’obbligo di valutare tutti i rischi a cui sono esposti i lavoratori. In questo decreto legge, ci sono poche indicazioni su come effettuare la valutazione del microclima: non sono fissati limiti di riferimento precisi ma viene solo raccomandato di adeguare le condizioni ambientali all’impegno fisico svolto, non è specificato come misurare i parametri e con quali strumentazioni e non è chiaro chi può effettuare le misure e quindi le relative valutazioni. La normativa tecnica di riferimento è invece ben consolidata e propone degli indici di valutazione che tengono conto degli scambi termici tra corpo umano e ambiente termico e permettono di prevenire il discomfort o addirittura danni per la salute. È necessario però che chi effettua la valutazione utilizzi correttamente questi indici per evitare di sottovalutare condizioni rischiose. Questo lavoro vuole fornire una guida a coloro che si accingono a valutare le condizioni termo-igrometriche di un luogo di lavoro.

MosquirixTM malaria vaccine: an evaluation of patients’ willingness to pay in Cameroon

Objectives: The purpose of this study was to determine the average price that a patient living in Cameroon would be willing to pay for the MosquirixTM vaccine and the factors influencing the proposed price.

Study design: Cross-sectional study

Methods: Data were collected using a semi-open questionnaire in 5 hospitals in Cameroon. This study included all persons over 18 years who came for consultation in one of the 5 selected hospitals during the study period (from 02th to 14th April 2018 and from 02th to 22th July 2018). The factors associated with the price of the vaccine proposed by the patient were determined by linear multiple regression analysis. The average price was determined based on the patient’s income and the percentage of that income proposed for the purchase of the vaccine.

Results: We collected data from 1,187 participants aged 18 to 80 years. The average price that Cameroonian patients were willing to pay for the MosquirixTM vaccine was 1,514±475 XAF (2.3±0.73 Euro).

Mappatura delle competenze ed attivazione di equipe multi professionali in risposta ad emergenza pandemica COVID-19

La veloce diffusione dell’epidemia da Covid-19 ha comportato un repentino cambiamento delle strategie organizzative di tutte le strutture sanitarie italiane. Dal 31 Gennaio 2020, data di inizio dello stato di emergenza sanitaria nazionale, Asst Valle Olona ha approntato un riassetto delle unità d’offerta passando da un sistema di divisione tradizionale per specialità di un Ospedale generale, a un assetto che prevede da una parte la presenza di reparti tradizionali e dall’altra un insieme di aree dedicate esclusivamente al trattamento di pazienti Covid 19, distinti per intensità di cura rispetto alla necessità di ventilazione respiratoria.

Lo studio vuole rappresentare il metodo utilizzato per la ridistribuzione del capitale umano nelle nuove aree per competenze individuate, mappate, valutate e riordinate. Il metodo individuato consente di garantire assistenza ai pazienti Covid-19 con il maggior numero di risorse umane disponibili e formate adeguatamente.


Skills tracing and activation of multi-professional teams in response to COVID-19 pandemic

Download PDF