Lettera aperta ai lettori della Rivista “Igiene e Sanità pubblica”

«I lettori non li posso vedere in faccia, e in un certo senso la relazione con loro è soltanto concettuale, tuttavia per me quell’invisibile relazione “concettuale” è qualcosa della massima importanza, e con questa convinzione ho vissuto finora»»

(Haruki Murakami. L’arte di correre. Einaudi ed, Torino 2009, pag. 83).

Con il primo numero del 2019 inizia un nuovo corso della (settantaquattrenne) Rivista ampliando per quanto possibile i contenuti, e facendo proprie alcune innovazioni tecnologiche come, ad esempio, il superamento dell’affermazione di Murakami in quanto sarà ora possibile con mezzi di comunicazione informatica stringere una relazione più diretta e esclusiva con i lettori.

Da notare che quest’anno cade una data significativa, le “nozze d’argento” con il lettori, ovvero il 25° anniversario della prima profonda modifica editoriale. Infatti nei primi mesi del 1994, «Per aderire ad un espresso desiderio del Fondatore e per tentare di serbarne il ricordo nel modo più consono alle Sue aspirazioni – sostenere cioè l’Igiene e fare opera di formazione degli Igienisti – ho preso la decisione di rilevare la testata della Rivista e continuarne la pubblicazione, affrontando le difficoltà tecnico-amministrative ed editoriali che tale impresa comporta» (“Lettera aperta ai lettori della Rivista”, IgSanPubl 1994; 50: 74-80).…

Stare al passo dei tempi: missione della Rivista Scientifica “Igiene e Sanità Pubblica”

«Poiché a chiunque ha sarà dato e sarà nell’abbondanza, ma a chiunque non ha sarà tolto anche quello che ha»»

Vangelo secondo Matteo 13:12.

Questo primo numero del 2019 assume un importante significato nella vita della Rivista per alcune modifiche sia di forma (esposte in questo stesso numero nella “Lettera aperta ai lettori”) che di sostanza, giustificando il titolo di questo Editoriale, ovvero pervenire a un “cambio di passo” per rimanere all’“altezza dei tempi”. …

Numero 2 – 2021

Editoriale

Parte scientifica e pratica

Organizzare ospedale e territorio in tempi di COVID-19

La situazione emergenziale dei mesi appena trascorsi dovuta alla pandemia da SARS- CoV-2 ha determinato la necessità di riorganizzare le attività a livello di ospedale, territorio e di interazione tra questi due ambiti. Quello che viviamo è certamente un momento epocale in cui due livelli di assistenza e cura del SSN – ospedale e territorio – sono invitati ad una nuova rafforzata interazione e integrazione (inter ed intra- professionale)


Download PDF

La corretta valutazione del microclima per un luogo di lavoro ergonomico e sicuro

In Italia, ai sensi del D.Lgs. 81/08, il datore di lavoro ha l’obbligo di valutare tutti i rischi a cui sono esposti i lavoratori. In questo decreto legge, ci sono poche indicazioni su come effettuare la valutazione del microclima: non sono fissati limiti di riferimento precisi ma viene solo raccomandato di adeguare le condizioni ambientali all’impegno fisico svolto, non è specificato come misurare i parametri e con quali strumentazioni e non è chiaro chi può effettuare le misure e quindi le relative valutazioni. La normativa tecnica di riferimento è invece ben consolidata e propone degli indici di valutazione che tengono conto degli scambi termici tra corpo umano e ambiente termico e permettono di prevenire il discomfort o addirittura danni per la salute. È necessario però che chi effettua la valutazione utilizzi correttamente questi indici per evitare di sottovalutare condizioni rischiose. Questo lavoro vuole fornire una guida a coloro che si accingono a valutare le condizioni termo-igrometriche di un luogo di lavoro.

MosquirixTM malaria vaccine: an evaluation of patients’ willingness to pay in Cameroon

Objectives: The purpose of this study was to determine the average price that a patient living in Cameroon would be willing to pay for the MosquirixTM vaccine and the factors influencing the proposed price.

Study design: Cross-sectional study

Methods: Data were collected using a semi-open questionnaire in 5 hospitals in Cameroon. This study included all persons over 18 years who came for consultation in one of the 5 selected hospitals during the study period (from 02th to 14th April 2018 and from 02th to 22th July 2018). The factors associated with the price of the vaccine proposed by the patient were determined by linear multiple regression analysis. The average price was determined based on the patient’s income and the percentage of that income proposed for the purchase of the vaccine.

Results: We collected data from 1,187 participants aged 18 to 80 years. The average price that Cameroonian patients were willing to pay for the MosquirixTM vaccine was 1,514±475 XAF (2.3±0.73 Euro).

Mappatura delle competenze ed attivazione di equipe multi professionali in risposta ad emergenza pandemica COVID-19

La veloce diffusione dell’epidemia da Covid-19 ha comportato un repentino cambiamento delle strategie organizzative di tutte le strutture sanitarie italiane. Dal 31 Gennaio 2020, data di inizio dello stato di emergenza sanitaria nazionale, Asst Valle Olona ha approntato un riassetto delle unità d’offerta passando da un sistema di divisione tradizionale per specialità di un Ospedale generale, a un assetto che prevede da una parte la presenza di reparti tradizionali e dall’altra un insieme di aree dedicate esclusivamente al trattamento di pazienti Covid 19, distinti per intensità di cura rispetto alla necessità di ventilazione respiratoria.

Lo studio vuole rappresentare il metodo utilizzato per la ridistribuzione del capitale umano nelle nuove aree per competenze individuate, mappate, valutate e riordinate. Il metodo individuato consente di garantire assistenza ai pazienti Covid-19 con il maggior numero di risorse umane disponibili e formate adeguatamente.


Skills tracing and activation of multi-professional teams in response to COVID-19 pandemic

Download PDF

Florence Nightingale e la pandemia da coronavirus SARS-CoV-2

Per la Sanità pubblica l’anno 2020 appena trascorso si può rappresentare con due avvenimenti: la grande pandemia da coronavirus SARS-CoV-2 (così chiamato per la sua immagine circondata da “spine”) e il bicentenario della nascita di Florence Nightingale (così chiamata perché nata a Firenze il 12 maggio 1820). L’abbinamento di questi due avvenimenti è meno lontano di quanto sembri prestandosi ad alcune istruttive considerazioni.


Florence Nightingale and the SARS-CoV-2 coronavirus pandemic

Download PDF

Il distretto industriale di Vercelli-sud e il suo impatto sulla salute umana: studio di coorte (1985-2014)

L’associazione tra inquinamento ambientale e problemi di salute è ormai ben nota. Lo scopo di questo studio è quello di valutare come la presenza di attività industriali, in particolare quelle di smaltimento dei rifiuti, nei pressi delle zone residenziali delle città possa influire sullo stato di salute dell’uomo. In aggiunta cerchiamo di definire i possibili organi/sistemi bersaglio degli inquinanti delle attività industriali, e una possibile distanza dalle fabbriche alla quale un individuo è più protetto.


The Urban Area Adjacent to Vercelli City: An Epidemiological Study about the Health Effect of the South Industrial District – Death Causes Analysis in the Cohort from 1985 to 2014

The linkage between environmental pollution and human health problems is well-known. The aim of this study is to reveal how the presence of industrial activities, especially waste disposal activities, in the neighborhood of the residential area of the city could affect human health. Moreover, we want to define if there are preferential target organs/systems for pollutant derived from various industrial activities, and research a possible safe distance from the plant, from which an individual is quite safe.

Efficacia di un sistema di trattamento no-touch con unità mobile a luce UV pulsata allo Xeno per la disinfezione delle superfici nelle sale operatorie: risultati preliminari nel Policlinico Riuniti di Foggia, 2019

La disinfezione degli ambienti ospedalieri è un elemento essenziale nelle strategie di intervento per ridurre il rischio di infezioni correlate all’assistenza. Numerosi studi dimostrano che la pulizia standard non è sufficiente a garantire una corretta disinfezione degli ambienti sanitari e che l’aggiunta di tecnologie no-touch, come i raggi ultravioletti, può restituire un’igiene più approfondita. Lo studio si propone di verificare quanto l’applicazione di raggi ultravioletti, dopo la sanificazione standard, contribuisca ad un aumento del livello di igiene.


An integrated approach for better contamination control in hospital settings

Download PDF

Un approccio integrato per un miglior controllo della contaminazione in contesti ospedalieri

La disinfezione degli ambienti ospedalieri è un elemento essenziale nelle strategie di intervento per ridurre il rischio di infezioni correlate all’assistenza. Numerosi studi dimostrano che la pulizia standard non è sufficiente a garantire una corretta disinfezione degli ambienti sanitari e che l’aggiunta di tecnologie no-touch, come i raggi ultravioletti, può restituire un’igiene più approfondita. Lo studio si propone di verificare quanto l’applicazione di raggi ultravioletti, dopo la sanificazione standard, contribuisca ad un aumento del livello di igiene.


An integrated approach for better contamination control in hospital settings

Download PDF

La Fragilità in una prospettiva di Sanità Pubblica: principi e strumenti per un approccio “life course” orientato alla prevenzione

La popolazione mondiale sta invecchiando rapidamente e, dal momento che l’aumento della speranza di vita alla nascita non sempre corrisponde ad un aumento degli anni di vita in buona salute, in futuro si osserverà un incremento delle persone in condizione di fragilità. Considerando l’invecchiamento della popolazione, l’associazione tra età e fragilità e l’impatto di ciò sui bisogni di salute delle persone anziane e di converso sui sistemi sanitari, è possibile affermare che la fragilità sia una minaccia significativa per la salute pubblica, tanto da essere etichettata come il “futuro core business della sanità pubblica”.


Fragility in a Public Health perspective: principles and tools for a “life course” approach prevention- oriented

Download PDF