Dalle evidenze alla sostenibilità assistenziale: la gestione del rischio da mezzo di contrasto nel paziente oncologico. Esperienza in un centro universitario italiano

Grassedonio E.*, Incorvaia L.**, Guarneri M.***, Giubbini G. °, de Belvis A. G.°, Midiri M.*

Affiliazioni

*Dipartimento di Biomedicina, Neuroscienze e Diagnostica avanzata, Università degli Studi di Palermo **Oncologia Medica, Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico “Paolo Giaccone”, Palermo

***Nefrologia e Dialisi, Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico “Paolo Giaccone”, Palermo
° Sezione di Igiene, Dipartimento di Scienze della Vita e Sanità Pubblica, Università Cattolica del Sacro Cuore, Roma

Keywords: Clinical Decision Support System (CDSS), appropriateness, prevention
Parole chiave: Sistemi di supporto alle decisioni cliniche (CDSS), appropriatezza, prevenzione, risk management

L’utilizzo di mezzi di contrasto (MdC) organo-iodati in ambito diagnostico ed interventistico è notevolmente aumentato negli ultimi 10 anni. È necessario distinguere tra le diverse tipologie di MdC, in primo luogo sulla base dell’osmolarità: minore è quest’ultima, maggiore è il profilo di sicurezza per il paziente. Il rischio di danno renale acuto da mezzo di contrasto (PC-AKI) è comunque determinato, naturalmente, anche da fattori di rischio legati al paziente.

Densità di popolazione e SARS-CoV-2: uno studio epidemiologico di urban health

Giannico O.V., Baldacci S., Fragnelli G.R., Desiante F., Battista T., Calamai C., Caputi G., Cipriani R., Faino A., Francioso F., Giorgino A., Mastronuzzi L., Russo C.a, Sponselli G.M., Terlizzi E.M., Menna A.D., Rizzi R., Bisceglia L., Conversano M.

Affiliazioni:
a Dipartimento di Prevenzione, ASL Taranto, Taranto, Italy.

b Area Epidemiologia e Care Intelligence, Agenzia Regionale Strategica per la Salute e il Sociale della Puglia, Bari, Italy. Keywords: Urban Health, Population Density, Province Capital, SARS-CoV-2, COVID-19.

Parole Chiave: Salute Urbana, Densità di Popolazione, Capoluogo di Provincia, SARS-CoV-2, COVID-19
List of abbreviations: p.d.,population density, RT-PCR, Reverse Transcriptase-Polymerase Chain Reaction

Sebbene la trasmissione del virus SARS-CoV-2 costituisca un fenomeno complesso, un’elevata densità di popolazione sembra essere un fattore di rischio. Scopo di questo studio è analizzare, attraverso un approccio epidemiologico, la relazione tra densità di popolazione e incidenza dell’infezione da SARS-CoV-2, utilizzando dati che sono confrontabili per quanto riguarda le strategie di testing.

Studio osservazionale retrospettivo sulla presa in carico nel Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale per la Broncopneumopatia Cronico- Ostruttiva in una Casa della Salute della ASL Roma 2

D’Alò G.L., Di Roberto M.A., Bronzetti F., Nocita G., Gambale G., Tesone G.

Affiliazioni

1 District 6 – Local Health Agency Rome 2, Via della Tenuta di Torrenova 138, 00133 Rome, Lazio Region, Italy 2 Health Directorate – Local Health Agency Rome 2, via Maria Brighenti 23, 00159 Rome, Lazio Region, Italy

Keyword: Pulmonary Disease, Chronic Obstructive, Patient-Centered Care, Critical Pathways Primary Health Care, Outcome and Process Assessment, Health Care
Parole chiave: Percorsi Diagnostico Terapeutico Assistenziali, Broncopneumopatia Cronico- Ostruttiva, Medicina preventiva

La Broncopneumopatia Cronico-Ostruttiva (BPCO) è una patologia cronica causa di elevata morbidità e mortalità. Nella Regione Lazio è stato codificato nel 2016 il Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale (PDTA) BPCO. È stata effettuata un’analisi delle cartelle cliniche di una coorte aperta retrospettiva di 77 pazienti seguiti presso la Casa della Salute Torrenova (ASL Roma 2) dal 2017 al 2021, per un totale di 305 visite. La distanza media tra visite per singolo paziente era 169±124 giorni, la durata complessiva del follow-up di 613±388 giorni.

La “ri-disorganizzazione” del Servizio Sanitario Nazionale

Non vi è alcun dubbio che, sotto la spinta degli effetti sanitari della pandemia da COVID19 e della approvazione (il 13/7/2021) del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), si è in presenza ancora una volta di un tentativo di riorganizzazione del Servizio sanitario nazionale. Alcuni significativi elementi di questa volontà politica sono stati già indicati negli Editoriali di questa Rivista pubblicati negli ultimi due anni – dalla dichiarazione dello stato di emergenza nazionale per il contenimento della diffusione dell’epidemia da COVID-19 (D.L. 25/3/2020, n. 19) a tutt’oggi.

Gli esperti diScienze politiche applicate alla sanità hanno fatto rilevare che le proposte di riorganizzazione – soprattutto tendenti a rafforzare la sanità territoriale (cure primarie e servizi territoriali)2 – risalgono addirittura alla legge istitutiva del Servizio sanitario nazionale e sono state “rinnovellate”da numerosi successivi atti legislativi mai completamente realizzati.

La motivazione è facile da comprendere perché da tempo è fin troppo noto che non è possibile modificare un sistema, come quello sanitario (ma non solo questo), unicamente attraverso cambiamenti strutturali3.